Logo San Biagio
Parrocchia San Biagio Ravecchia

LA MUSICA DI AUS DER WELT IN RICORDO DELLA SHOAH

La Regione 20.12.2018

L’evento (con inizio alle 15.30) avrà luogo nella cornice della chiesa di San Biagio a Ravecchia. Esmeralda Mattei, segretaria del Consiglio Parrocchiale, ha posto l’accento sull’importanza del ricordo, che nel caso di Aus der Welt sarà reso vivo grazie alla cultura, rappresentata dal connubio tra la musica e l’arte della rinomata chiesa. (...)

PDF


-


* Santo Natale *

Poesia di Natale di G. K. Chesterton

Laggiù una madre senza posa camminava fuori da una locanda ancora a vagare;
nel paese in cui lei si trovò senza tetto, tutti gli uomini sono a casa. (...)

Auguri da Padre Paolo Santagostini e dal Consiglio Parrocchiale 
Immagine: Josefa de Óbidos, Natività (1650)  

PDF


-


TEMPO DI AVVENTO

Riflessioni di Padre Paolo Santagostini

L'Avvento celebra la fedeltà di Dio alla sua promessa e invita a fare memoria della Sua venuta nella storia come Uno di noi.
Dio è con noi, questa memoria è la nostra speranza; in questa memoria vive la nostra fede. (...)
Testo: Padre Paolo Santagostini
Immagine: Mathias Stomer – Annunciazione (sec. XVII)

PDF


-


Bollettino di Bellinzona 4.2018

Ripresa delle attività pastorali e culturali

Con la riapertura dopo i restauri, San Biagio si è ripopolata e fervono le attività e le proposte dai parrocchiani, che la sentono come cosa loro.

La nostra bella chiesa si sveglia il mattino intorno alle 9 e da quel momento al tramontare del sole, vede entrare ed uscire dai suoi portoni centenari un popolo colorato e mutevole, animato da intenzioni ed affaccendato da attività delle più varie. Ciascuno si porta dentro i propri segreti, i propri affanni, le proprie gioie e preoccupazioni. C’è chi si inginocchia silenzioso e solitario, raggomitolandosi nell’ombra della panca rivolta alla statua della Madonna, come si trovasse in una rassicurante grotta che lo accoglie in un abbraccio. C’è chi, attempato signore o giovane mamma munita di carrozzina, attraversandola, passa in rassegna con gli occhi l’inventario di oggetti ed arredi, riconoscendo in alcuni angoli il memoriale di una precisa pietra miliare nella propria storia (...)

PDF


-


Bollettino di Bellinzona 3_2018

San Biagio riapre. Nuovo parroco e Concerto OSI

Fumata bianca. Alfine è giunta la buona novella che tutti aspettavamo con trepidazione. I lavori di restauro sono compiuti, gli antichi battenti riaprono, arriva il nuovo Parroco...

Si è felicemente concluso il restauro conservativo della chiesa di San Biagio, iniziato nel marzo del 2017, sotto l’egida dell’Ufficio dei Beni Culturali e reso possibile da finanziamenti pubblici federali, cantonali e della città di Bellinzona, oltreché dalla generosità di fondazioni, imprese private e singoli cittadini. I lavori, che, sotto la guida esperta dell’Architetto Geronzi, si sono svolti ordinatamente, nei tempi e nei modi previsti, restituiscono ora ai parrocchiani di San Biagio ed alla cittadinanza tutta di Bellinzona, una Chiesa ancora più bella, ariosa, luminosa di quella che noi tutti ricordiamo, con degli affreschi rinati a nuova luce.(...)

PDF


-


Bollettino di Bellinzona 2.2018

Ultimissime da San Biagio

Carissimi Parrocchiani e membri tutti della Comunità ecclesiale di Bellinzona, chi torna a parlarvi dopo lungo silenzio è San Biagio.

Avete capito bene: proprio lui. Intendiamoci: non il grande medico e vescovo armeno, amico degli animali, a cui vita virtuosa e martirio glorioso acquistarono la santità, bensì il suo modesto simulacro ligneo, che per decenni ha assistito a tutte le funzioni della chiesa di Ravecchia, osservandovi rimpannucciato nel suo manto rosso e benedicendovi con due dita sollevate, da un angolo dell’abside a sinistra del tabernacolo. (...)

PDF


-


Bollettino di Bellinzona 1.2018

Leggenda di San Biagio

SAN BIAGIO, LA VEDOVA E IL LUPO
Una povera vedova si era allevata un porcello con il quale sperava di vincere la fame, ma un lupo glielo prese portandoselo nel bosco. La donna allora accorse sulla via dove passava Biagio prigioniero e, gettandoglisi ai piedi, disse: "Come farò, meschina, a sfamare i miei figli, ora che ho perso tutto quello che avevo?" (...)

PDF


-


<